Tag: metastasi

Un algoritmo per prevedere la comparsa di recidive cancro al seno

Recidive cancro al seno: un algoritmo prevede il rischio metastasi

Un algoritmo capace di individuare precocemente i casi di recidive cancro al seno è stato progettato dal laboratorio di oncologia dell’IRCSS Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo.

La ricerca ha ricevuto un finanziamento di ben 610mila euro dall’AIRC.

Paola Parrella, medico e ricercatrice del laboratorio di oncologia, afferma che nel progetto Portent si è partiti da una classe di nuove molecole chiamate microRNA, le quali rivestono un ruolo fondamentale nel funzionamento delle cellule normali e se alterate, sono collegate ai meccanismi di sviluppo delle metastasi.

Gli stessi ricercatori hanno già affrontato la questione cancro e micro molecole con il progetto precedente, Bremir, finanziato dal Ministero della Salute.

Infatti, hanno identificato 8 microRNA alterate nelle pazienti con un’evoluzione metastatica della malattia.
Successivamente, analizzando 223 casi tra le pazienti della Casa Sollievo, è emerso che almeno due di queste micro molecole sono responsabili della comparsa di recidive e metastasi nei quindici anni successivi alla diagnosi.

È proprio sulla base di questi risultati che il team di biostatistici ha sviluppato un algoritmo.
Dalla ricerca è emerso che l’analisi dei due microRNA applicata al modello clinico base migliora la capacità di predire il futuro negativo della malattia.

La ricerca traslazionale sulle recidive cancro al seno

Lo studio Portent è una ricerca traslazionale, e ha l’obiettivo di estendere le ricerche di laboratorio allo studio clinico per migliorare l’approccio terapeutico.
Per poter applicare l’algoritmo a tutte le pazienti c’è bisogno di fare un discorso generalizzato, non limitato ai soli casi originator.

Inoltre, se gli studi successivi dimostreranno la validità del modello, sarà possibile creare un test di laboratorio per i due miRNA, utilizzato nella gestione clinica delle pazienti affette da cancro al seno.
Il modello potrebbe essere determinante anche nella scelta del tipo di terapia.

Oggi i problemi più rilevanti nella cura del cancro al seno sono correlati a una possibile evoluzione negativa della malattia e alla necessità di avere a disposizione trattamenti efficaci qualora il cancro progredisca.

Il tumore alla prostata metastatico è curabile con la terapia ormonale

Tumore alla prostata metastatico: sintomi e sopravvivenza

Si parla di tumore alla prostata metastatico quando la neoplasia si diffonde agli organi vicini con effetti sulla sopravvivenza a 5 anni dei pazienti.
Le cellule si staccano dal tumore originario e attraverso il flusso sanguigno o il sistema linfatico raggiungono altre sedi generando i cosiddetti tumori secondari.

Il tumore alla prostata colpisce circa 1 uomo su 8, ma nelle forme meno aggressive la sopravvivenza a 5 anni raggiunge il 100%.
Nel cancro alla prostata distinguiamo 4 stadi, il terzo e il quarto corrispondono alle forme più aggressive.
Genericamente abbiamo:
• Stadio I e II, il tumore è nella fase iniziale e rimane localizzato alla prostata
• Stadio III, localmente avanzato, cioè si è diffuso ai tessuti vicini
• Stadio IV, il cancro ha “aggredito” gli organi circostanti come le ossa, i linfonodi, il fegato e i polmoni.
Quando il tumore inizia a crescere di dimensione, compaiono i primi sintomi di tipo urinario, come necessità di urinare spesso, ematuria, emospermia e la sensazione di non avere mai la vescica vuota.

Quali sono i sintomi delle metastasi del tumore alla prostata?

In generale, i sintomi rilevati sono stanchezza, malessere e dimagrimento.
Come anticipato, gli organi coinvolti dalla progressione del tumore alla prostata metastatico sono: le ossa, i linfonodi, i polmoni e il fegato.

I sintomi variano in base alla localizzazione delle metastasi.
Nel tumore alla prostata metastasi ossee, più dell’80% dei pazienti presenta lesioni scheletriche, avvertendo forti dolori, fratture e compressione del midollo spinale.
Quando il cancro è esteso ai linfonodi, essi sono ingrossati e duri ed è frequente la comparsa del linfedema, perché le cellule tumorali non permettono il normale deflusso della linfa.

Nel caso del fegato, i pazienti soffrono di malessere generalizzato, perdita di appetito e di peso, ascite, ittero e prurito sulla pelle; mentre nel caso della diffusione ai polmoni, sono frequenti fiato corto, tosse, versamento di liquido nella cavità pleurica e infezioni polmonari.

Terapie ormonali nella cura del tumore

In base all’uso delle terapie atte a controllare l’espansione delle metastasi, distinguiamo due tipi di tumore: ormono-sensibile (deprivazione androgenica) e resistente alla castrazione.
Nel primo caso, il tumore risponde positivamente alla terapia ormonale, che è usata per ridurre i livelli di ormoni maschili come il testosterone e gli androgeni.
Gli ormoni sessuali maschili sono responsabili, infatti, della crescita del tumore, quindi controllarli significa rallentare la malattia.

Esistono registri diversi di terapia ormonale, spesso usati in sequenza, che hanno condotto a ottimi risultati nel miglioramento della qualità e aspettativa di vita.

La chemioterapia affianca la cura ormonale.

Nel tumore prostatico resistente alla castrazione, il paziente è resistente all’eliminazione degli ormoni maschili sia tramite la chirurgia che la terapia ormonale.
In questi casi, si fa ricorso alla chemioterapia in aggiunta alla terapia ormonale, con l’uso del docetaxel, per via endovenosa.
Quando il tumore è esteso a livello osseo, si privilegia la terapia radiometabolica: alcuni radiofarmaci riescono a trovare posizione nelle aree di turnover osseo e distruggere le cellule tumorali.
Infine, le terapie a bersaglio molecolare e gli inibitori di PARP hanno ottenuto ottimi risultati nelle ricerche, soprattutto con pazienti con mutazioni BRCA.

Conclusione:

Il carcinoma prostatico è diventato, negli ultimi anni, il più diffuso tra la popolazione maschile, ma terapie personalizzate e innovative hanno portato a un decremento della mortalità e a una prognosi migliore per i malati affetti dalle forme più aggressive.

Leggi anche:
Gleason score: aggressività del tumore prostatico

Fattori ambientali e genetici nello sviluppo del cancro prostatico

Entra in contatto con
Sophos Biotech
Via Lima, 35 - 00198 Roma

Contact Sophos Biotech
Via Lima, 35 – 00198 ROME

Lavora con noi

Career opportunities

Sei interessato al mondo farmaceutico e vuoi lavorare in una realtà in continua crescita?
Do you have an interest in the world of pharmaceuticals, and in finding employment with a continuously growing concern?
Seguici su
Follow us

Area riservata

Reserved area

Area riservata a medici e farmacisti per visualizzare gli RCP dei prodotti.
Area reserved for physicians and pharmacists to view the summary of product characteristics (SPC).
Follow us on
Sophos Biotech S.r.l. | P.IVA / CODICE FISCALE 13530751000 | Capitale sociale euro 100.000
Sophos Biotech S.r.l. | VAT / FISCAL CODE 13530751000 | Share capital 100,000 euros
Sviluppato da ThinkNow
Developed by ThinkNow