Tag: tumore

Il dizionario emozionale contiene parole chiave utili

Dizionario emozionale: le parole chiave in oncologia

Nel dizionario emozionale ci sono 13 parole chiave, fondamentali nel rapporto medico-paziente.

Le parole usate nella relazione medico paziente assumono un significato diverso a seconda che a pronunciarle sia l’oncologo o il malato.
La relazione di cura fa uso di parole chiave dette emozionali e proprio la loro analisi è oggetto del progetto Dizionario emozionale-Atlante delle parole chiave in Oncologia frutto della collaborazione tra Takeda e le associazioni di pazienti e caregiver.

Il Dizionario, messo a punto dal Prof. Ordinario di linguistica italiana presso l’università di Pavia Giuseppe Antonelli, ha rivelato il significato di 13 parole chiave identificate attraverso sondaggi online, incontri e analisi del sentiment.

Da una parte abbiamo la neutralità e l’oggettività del linguaggio medico, dall’altra la soggettività delle parole, entrate nel lessico di circa 3 milioni di persone.

Dizionario emozionale oncologia: dalla prevenzione, alla diagnosi, alla prognosi.

Il progetto spiega il valore della dimensione linguistica e come il peso della malattia amplifichi e distorca la comprensione dei termini medici.
Prevenzione, per esempio, è un termine che racchiude sia i programmi di screening e controlli per anticipare la malattia sia tutti quei comportamenti che fanno parte del cosiddetto stile di vita sano: non fumare, non bere, mangiare bene e vario, praticare attività fisica.

Questo è ciò che intende il medico, ma il paziente?
Potrebbe rispondere che si ammalano persone di ogni età e con stili di vita sani, quindi il compito del medico è di far capire quanto i comportamenti siano importanti al pari di visite e trattamenti.

La diagnosi per l’oncologo è un giudizio clinico, il punto di partenza sul quale costruire il percorso di cura, per il paziente è l’inizio della fine o una nuova storia da vivere.

E ancora, prognosi nel linguaggio medico assume un significato favorevole o sfavorevole a seconda dell’evoluzione della malattia e a tutta una serie di variabili quali l’età, il sesso, i trattamenti etc.

I pazienti spesso confondono diagnosi e prognosi perché entrambe hanno a che fare con l’irrompere della malattia nella propria vita.
Per il malato la prognosi è bianca o nera, rappresenta l’incertezza del futuro, la capacità di accettare che la vita può cambiare e che il corpo può non funzionare come vorremmo.

La comunicazione medico-paziente: cosa migliorare

La comunicazione tra medico e malato oncologico è deficitaria.
La mancanza di tempo, l’inesistenza di strutture ospedaliere adeguate, l’incapacità comunicativa di medici e infermieri di comunicare in maniera chiara ed empatica sono alcuni dei limiti messi in evidenza dagli esperti.

Nel contesto oncologico, la mancanza di un lessico condiviso è un problema, perché si tratta di trasmettere nozioni mediche e di capire lo stato psicologico del paziente.
Occorre rivedere tutte le basi della comunicazione, retaggio del fatto che il cancro è stato a lungo una parola impronunciabile, un segreto da tenere nascosto.
Una comunicazione trasparente e chiara permette al paziente di vivere la malattia con più serenità.
Il Dizionario emozionale fa riflettere sull’utilità di percorsi formativi atti a migliorare questi aspetti.

Il medico dovrebbe accompagnare il paziente verso la cura, ma anche verso la speranza e solo conoscendo il senso profondo delle parole può farlo davvero.

Leggi anche i nostri ultimi articoli:

The value of time: le problematiche nella real life del malato di cancro al polmone

L’obiettivo dell’incontro in programma il 14 Ottobre è fare il punto sulle problematiche che gli specialisti incontrano nella real life con il paziente malato di cancro al polmone.

Il tumore al polmone continua a essere una delle patologie più diagnosticate e la prima causa di morte in Italia e nel mondo occidentale.
I programmi di screening, le terapie a bersaglio molecolare e l’immunoterapia hanno sicuramente portato a dei miglioramenti.
Negli ultimi anni si registra anche un cambiamento di tipo culturale, il percorso di cura è ormai frutto di un approccio multidisciplinare alla malattia con chiari miglioramenti sulla qualità e la quantità di vita del paziente oncologico.

Entra in contatto con
Sophos Biotech
Via Lima, 35 - 00198 Roma

Contact Sophos Biotech
Via Lima, 35 – 00198 ROME

Lavora con noi

Career opportunities

Sei interessato al mondo farmaceutico e vuoi lavorare in una realtà in continua crescita?
Do you have an interest in the world of pharmaceuticals, and in finding employment with a continuously growing concern?
Seguici su
Follow us

Area riservata

Reserved area

Area riservata a medici e farmacisti per visualizzare gli RCP dei prodotti.
Area reserved for physicians and pharmacists to view the summary of product characteristics (SPC).
Follow us on
Sophos Biotech S.r.l. | P.IVA / CODICE FISCALE 13530751000 | Capitale sociale euro 100.000
Sophos Biotech S.r.l. | VAT / FISCAL CODE 13530751000 | Share capital 100,000 euros
Sviluppato da ThinkNow
Developed by ThinkNow